Il mondo dello spettacolo enfatizza le opportunità papali

Pubblicato il 3 aprile 2013 in News — Condividi

claudia-primo-piano

4 Aprile 2013

In preparazione Serie TV, ripubblicazioni di pellicole sul tema oltre ad una partita Italia-Argentina

di Nick Vivarelli
ROMA – Cosa ha scatenato la scelta del nome del nuovo Papa?
La recente elezione di Papa Francesco sta portando a molteplici occasioni per il mondo dello spettacolo, tra cui il lancio di “Francesco”, una serie in lingua inglese su San Francesco d’Assisi che sarà diretto da Liliana Cavani (“Il portiere di notte”) e promosso al MipTV di Cannes la prossima settimana.

“Quando ho sentito che il nuovo Papa aveva deciso di chiamarsi Francesco, c’è stato un immediato scambio di telefonate tra me, Liliana e il Direttore della Fiction RAI”, ha dichiarato la produttrice televisiva italiana Claudia Mori (nella foto sopra), che aveva in essere un progetto per il santo e che improvvisamente ha guadagnato più slancio.

Il Direttore della Fiction Rai Tinny Andreatta e un responsabile delle vendite per la Ciao Ragazzi di Mori cercheranno dei co-produttori internazionali al Mip per “Francesco”, che è attualmente in fase di casting.

Il piano è quello di iniziare le riprese di fine estate nella zona di Assisi e alla periferia di Gerusalemme.
“Ogni 20 anni arriva una nuova generazione che non sa realmente chi sia San Francesco”, ha detto Cavani, che chiama il santo “primo vero rivoluzionario del mondo.”

Cavani certamente conosce la sua materia. Questo è il terzo San Francesco film biografico partendo dal “Francesco” del 1989 interpretato da Mickey Rourke e Helena Bonham Carter e che gareggiò al Festival di Cannes.

Ma l’impatto della ex cardinale argentino Jorge Bergoglio diventato Papa si riverbera nel campo dell’intrattenimento globale in molti modi differenti.

Sapendo che è un tifoso di calcio, la federazione calcio italiana ha invitato l’Argentina per giocare una partita amichevole a Roma, nella speranza che entrambe le squadre possano avere un’udienza papale ed un aumento degli ospiti. In Argentina, la Disney sta traendo profitto da un Papa del luogo ripubblicando “Elefante Blanco” del regista Pablo Trapero, che tratta dei sacerdoti che affrontano la povertà e le bande delle baraccopoli di Buenos Aires.

A New York, la saga pre-elezione papale ha indotto IFC a ripubblicare “Habemus Papam” di Nanni Moretti, che tratta di un Papa appena eletto che si piega a causa di una crisi esistenziale, mentre iTunes negli Stati Uniti, ha aggiunto la pellicola di Moretti all’interno della pagina dei film.

Nel frattempo, a Roma, Ridley Scott è in procinto di trovare una prospettiva più piena intrigante con il pilot di Showtime e di Sony “The Vatican”, dove spiccano Bruno Ganz, che sta preparando sei settimane di riprese nella Città Eterna.

Leggi l’articolo originale: Variety

Loading Facebook Comments ...